Martedì, 2 Settembre 2014| Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia
username   password [?]
 
 

Per mancanza convivenza tra coniugi, la carta di soggiorno si può convertire in permesso per lavoro

Lo ha deciso il Tar della Lombardia - Un cittadino extracomunitario sposato con cittadina italiana, aveva ottenuto il rilascio del permesso di soggiorno per motivi di famiglia. Il Testo Unico Immigrazione. (d.lgs.286/98), nello specifico, prevede come condizione necessaria per il rilascio del permesso il permanere della convivenza tra i coniugi e la revoca qualora tale requisito venga meno.
Se tra i coniugi nel frattempo è intervenuta la separazione legale, lo scioglimento del matrimonio o la morte del coniuge, è possibile la conversione del permesso di soggiorno ad altro titolo (studio lavoro), sempre che sussistono i presupposti per il rilascio del nuovo permesso di soggiorno.
Il Tribunale amministrativo regionale della Lombardia, quindi, ha dato ragione al cittadino extracomunitario che si era visto rifiutato per mancanza dei requisiti necessari per la conversione il permesso di soggiorno per motivi di famiglia.

Sentenza del Tar della Lombardia

Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €



Venerdì, 21 Maggio 2010 - a.p.


Per inserire un commento, devi essere registrato. Registrati oppure inserisci username e password in alto.
 
Newsletter

Iscriviti alla newsletter, sarai aggiornato sulle ultime notizie.

Iscriviti »
Help.Immigrazione

E' un nuovo canale dove potrai trovare tutte le risposte alle tue domande.

Frequently Asked Questions (FAQ) »
Contattaci

Puoi contattarci compilando il modulo sottostante.

Online contact form »