Giovedì, 18 Dicembre 2014| Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia
username   password [?]
 
 

Niente espulsione per lo straniero convivente con il nipote italiano

Fondamentale è stata la scelta del minorenne, tenendo conto della sua età e del suo grado di maturità - La Corte di Cassazione con la sentenza n. 6694 del 3 maggio 2012 ha definitivamente accolto il ricorso di un cittadino straniero a cui era stato negato il permesso di soggiorno per motivi familiari ai sensi dell’art. 30 del Testo Unico sull’Immigrazione.

Essendo che lo straniero è effettivamente convivente con il nipote italiano minorenne e quindi non espellibile ai sensi dell’art.19, comma 2, lett. c), d.lgs n. 286/1998, la Questura avrebbe dovuto rilasciargli un permesso di soggiorno per motivi familiari, visto anche che il padre del minore aveva confermato "l'adesione progetto di convivenza".

L’Amministrazione però su questo punto ha puntato il suo ricorso, affermando che la situazione di convivenza dello straniero con parente entro il quarto grado di cittadinanza italiana e minori di età non configura la condizione di divieto d'espulsione del primo, in quanto “la predetta condizione non può essere fondata su una scelta volontaria che deve escludersi possa essere espressa da una minore nè potrebbe essere manifestata dagli esercenti la potestà genitoriale”.

Ma il ricorso risulta infondato perché c’è l’effettiva volontà di mantenere rapporto di convivenza che era stata manifestata sia dal minore che dai genitori dello stesso. Per questo la Corte di Cassazione ha anche richiamato la Convenzione di New York sui diritti del fanciullo del 20 novembre 1989 che introduce l'obbligo di tener conto delle opinioni del minore in ogni procedura giudiziaria o amministrativa che lo riguardi solo se si tratti di "fanciullo capace di discernimento" e "tenendo conto della sua età e del suo grado di maturità".

In definitiva per la Cassazione il rapporto di parentela entro al quarto grado e convivenza volontario con il parente sono due elementi fondamentali che bastano a rigettare il ricorso dell’Amministrazione e confermare il permesso di soggiorno per motivi familiari per il cittadino straniero.

http://www.immigrazione.biz/img/ico_allegato.gifVedi la sentenza n. 6694 del 3 maggio 2012 della Corte di Cassazione


Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €



Sabato, 5 Maggio 2012 - a.p.


Per inserire un commento, devi essere registrato. Registrati oppure inserisci username e password in alto.
 
Newsletter

Iscriviti alla newsletter, sarai aggiornato sulle ultime notizie.

Iscriviti »
Help.Immigrazione

E' un nuovo canale dove potrai trovare tutte le risposte alle tue domande.

Frequently Asked Questions (FAQ) »
Contattaci

Puoi contattarci compilando il modulo sottostante.

Online contact form »