Domenica, 20 Settembre 2020| Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia
username   password [?]
 
 

80 euro in busta paga anche per colf e badanti stranieri

Questa categoria non deve fare nessuna domanda, ma sarà fatto tutto tramite la prossima dichiarazione dei redditi - La verà novità sta nel fatto che il primo ministro Renzi ha metto nero su bianco il decreto che porterà nelle tasche dei lavoratori dipendenti un gruzzolo di 80 euro in più. Mica male visto l'andazzo dei precedenti governi che anzi avevano tassato sempre di più il lavoro dipendente, e non solo. Attenderemo dunque lo stipendio di maggio per verificare con i nostri occhi, che le "belle parole" non sono solo tali, ma si è passati finalmente ai fatti.

A chi spetta?
Questo è un punto fondamentale, perchè il bonus Irpef viene riconosciuto a tutti i lavoratori dipendenti e anche a chi percepisce redditi assimilati al lavoro dipendente come ad esempio i soci lavoratori di cooperative, i titolari di borse di studio o assegni di formazione professionale o ancora ai lavoratori impegnati in lavori socialmente utili.

Per tutte queste categorie, non c'è bisogno di fare nessuna domanda, perchè verrà corrisposto direttamente nella busta paga di maggio. Il bonus spetta anche a colf e badanti, ed essendo per la maggiparte manodopera straniera, anche loro potranno usufruire di questo incentivo dello stato, con una piccola eccezione: non saranno i datori di lavoro a corrisponderlo, perchè non sono sostituti d'imposta, ma per ottenerlo dovranno farlo tramite la dichiarazione dei redditi del 2015. Insomma un incentivo maggiore che serve anche al contrasto del "lavoro nero".

Quanto verrà corrisposto?

Il bonus Irpef è calcolato in base al reddito complessivo annuo del lavoratore ed è diviso in base al numero di mesi in cui si lavora. Pertanto se il lavoratore percepisce anche la tredicesima e la quattordicesima, ad esempio, l'importo totale del bonus non cambia ma verrà spalmato per quattordici mesi invece che su dodici.

Per i redditi tra 8.000 e 24.000 euro annui, il bonus è il massimo: 640 euro, mentre per i redditi compresi tra i 24.000 e 26.000, la detrazione viene calcolata in base al reddito: si oscilla da 480 euro fino a 160 euro, mentre non verrà corrisposto nulla nel caso in cui il reddito annuo è uguale o superi i 26.000 euro oppure se il reddito è inferiore a 8.000 euro annuo. In questi casi il reddito non tiene conto dell'abitazione principale.

Il Sole24ore propone un calcolatore che serve a quantificare il bonus Irpef che potresti ricevere in busta paga.


Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €



Martedì, 29 Aprile 2014 - Andrea Parisi


Per inserire un commento, devi essere registrato. Registrati oppure inserisci username e password in alto.