Domenica, 20 Maggio 2018| Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia
username   password [?]
 
 

Libera circolazione di cittadini dell’Unione - Mancato riconoscimento del matrimonio da parte dello Stato ospitante

Comunicato stampa della Corte di giustizia dell’Unione europea - Secondo le Conclusioni dell’avvocato generale della Corte di giustizia dell’Unione europea: "Anche se gli Stati membri sono liberi di autorizzare o meno il matrimonio tra persone dello stesso sesso, essi non possono ostacolare la libertà di soggiorno di un cittadino dell’Unione rifiutando di concedere al suo coniuge dello stesso sesso, cittadino di uno Stato non UE, un diritto di soggiorno permanente sul loro territorio".
Di conseguenza, anche una persona che ha lo stesso sesso del proprio coniuge può soggiornare in modo permanente sul territorio dello Stato membro in cui quest’ultimo si è stabilito quale cittadino dell’Unione dopo avere esercitato la propria libertà di circolazione.

Sentenza immigrazione europea Conclusioni dell'Avvocato Generale C‑673/16 dell'11 gennaio 2018 Corte Giustizia UE



Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €



Sabato, 13 Gennaio 2018 - curia.europa.eu


Per inserire un commento, devi essere registrato. Registrati oppure inserisci username e password in alto.
 
Newsletter

Iscriviti alla newsletter, sarai aggiornato sulle ultime notizie.

Iscriviti »
Help.Immigrazione

E' un nuovo canale dove potrai trovare tutte le risposte alle tue domande.

Frequently Asked Questions (FAQ) »
Contattaci

Puoi contattarci compilando il modulo sottostante.

Online contact form »