Lunedì, 16 Luglio 2018| Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia
username   password [?]
 
 

Linee guida sul reddito di inclusione

Comunicato stampa del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Il Reddito di Inclusione (ReI) è una misura nazionale di contrasto alla povertà.
L'INPS con la circolare n. 57 del 28 marzo 2018,  illustra le estensioni che intervengono sul Reddito di inclusione (REI) per effetto della legge di bilancio.
La più significativa è il venir meno di tutti i requisiti familiari, che dal 1° luglio 2018 fa diventare il REI uno strumento di contrasto alla povertà a tutti gli effetti universale, basato solo sul soddisfacimento dei requisiti economici.
A tal fine si ricorda che presso i Comuni sono a disposizione dei cittadini i punti di accesso al REI, presso i quali è offerta informazione, consulenza e orientamento sulla rete integrata degli interventi e dei servizi sociali e, qualora ricorrano le condizioni, assistenza nella presentazione della domanda.
La Legge n. 205/2017 (Legge di Bilancio 2018) interviene anche in tema di durata e decorrenza della misura.
In particolare prevede che, se all'atto del riconoscimento del REI il beneficio economico risulta di ammontare inferiore o pari a 20 euro mensili, lo stesso sia erogato anticipatamente in un'unica soluzione su base annua. Nel caso in cui, pur essendo soddisfatti i requisiti per il diritto alla misura, il beneficio economico connesso al REI risulti di ammontare pari a zero, non potendosi dar seguito ad alcun pagamento la domanda verrà respinta e il richiedente potrà rinnovarla, in caso di variazione della condizione economica, senza attendere alcun termine.

Requisiti di residenza e di soggiorno
il richiedente deve essere congiuntamente:
- cittadino dell’Unione (o familiare di un cittadino dell’Unione in possesso del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente) ovvero cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o apolide in possesso di analogo permesso o titolare di protezione  internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria);
per familiare di cittadino dell’Unione si intende il coniuge, i discendenti diretti di età inferiore a 21 anni o a carico e quelli del coniuge e gli ascendenti diretti a carico e quelli del coniuge (ai sensi del decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30 “Attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell'Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri”);
- residente in Italia, in via continuativa, da almeno due anni al momento di presentazione della domanda.

Circolare n. 57 del 28 marzo 2018 Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Allegato

Linee guida REI

Circolare n. 172 del 22 novembre 2017 Istituto Nazionale Previdenza Sociale

Decreto Legislativo 15 settembre 2017, n. 147 (GU n.240 del 13-10-2017)







Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €



Sabato, 14 Aprile 2018 - lavoro.gov.it


Per inserire un commento, devi essere registrato. Registrati oppure inserisci username e password in alto.
 
Newsletter

Iscriviti alla newsletter, sarai aggiornato sulle ultime notizie.

Iscriviti »
Help.Immigrazione

E' un nuovo canale dove potrai trovare tutte le risposte alle tue domande.

Frequently Asked Questions (FAQ) »
Contattaci

Puoi contattarci compilando il modulo sottostante.

Online contact form »