Venerdì, 30 Ottobre 2020| Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia
username   password [?]
 
 

Circolare n. 8 del 02 marzo 2007 Ministero dell' Interno

Rilascio del permesso di soggiorno a sportivi extracomunitari dilettanti. - Ministero dell'Interno

Circolare n. 8 del 02 marzo 2007

Ai Prefetti della Repubblica Loro Sedi

Ai Questori Loro Sedi

Al Sig. Commissario del Governo per la provincia Autonoma di Trento

Al Sig. Commissario del Governo per la provincia Autonoma di Bolzano

Al Sig. Presidente della regione Valle d'Aosta

e, p.c.

Al Ministero degli Affari Esteri

Direzione generale per gli Italiani all'Estero e le Politiche Migratorie Ufficio V° Centro Visti ROMA

Al Ministero della Solidarietà Sociale Direzione Generale dell'Immigrazione ROMA

Al Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Ufficio Speciale per il Collocamento dei lavoratori dello spettacolo ROMA

Al Dipartimento della Pubblica Sicurezza Direzione Centrale dell'Immigrazione e della Polizia delle Frontiere ROMA

Al Comitato Olimpico Nazionale Italiano CONI ROMA

Oggetto: Rilascio del permesso di soggiorno a sportivi extracomunitari dilettanti.

Le società sportive italiane, per soddisfare le diversificate esigenze connesse allo loro attività , hanno come noto la necessità di avvalersi di atleti e tecnici stranieri.
Per quanto concerne i cittadini extracomunitari, la normativa vigente disciplina essenzialmente le ipotesi di ingresso in Italia degli sportivi che prestano la loro opera a titolo professionistico.

Infatti, il D. Lgs 25 luglio 19098, n. 286 recatnte il T.U. delle norme sull'immigrazione, all' art. 27 comma 1, lettera p) comprende tra i casi particolari di ingresso per lavoro quello degli stranieri che siano destinati a svolgere qualsiasi tipo di attività sportiva professionistica.

Il comma 5 bis dello stesso articolo, nel prevedere il contingentamento degli atleti stranieri ammessi in Italia, si riferisce agli sportivi professionisti “o comunque retribuiti. D' altra parte, il regolamento di attuazione del predetto T.U., approvato con D.P.R. 31 agosto, n. 394, all'art 40, comma 16, nello stabilire che il nullaosta al lavoro è sostituito dalla dichiarazione nominativa di assenso del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) prende in considerazione, in sede di richiesta da parte delle società interessate, anche gli sportivi dilettanti.

Nella materia, pertanto, la normativa si presenta di non facile interpretazione e ha dato luogo ad applicazioni discordanti, anche alla luce dello schema dispositivo generale, integrato dalla legge 30 luglio 2002. n. 189, c.d. legge Bossi-Fini.
Il sistema vigente, infatti, prevede che il regolare soggiorno in Italia abbia come presupposto il contratto di lavoro che, per definizione, può essere stipulato solo da un professionista. Sull' argomento si ritiene di poter svolgere le considerazioni che seguono:

- nella materia, allo stato, si rileva un vuoto normativo; tuttavia dall'esame complessivo del quadro ordinamentale non si evince la sussistenza di elementi preclusivi, rivolti al divieto dell'ingresso in Italia degli sportivi extracomunitari dilettanti;

- l'attuale normativa è in via di evoluzione, in quanto sono allo studio sostanziali modifiche che andranno ad incidere sull' impostazione generale dello schema normativo in vigore, con particolare riferimento anche all'istituto del contratto di soggiorno;

- non si può non tenere in debito conto le esigenze delle società sportive che, come più volte evidenziato dal CONI, hanno necessità di avvalersi di sportivi extracomunitari non solo professionisti, ma anche dilettanti;

- un' interpretazione estensiva, rispetto a quanto finora praticato, non potrebbe comportare effetti incontrollabili, atteso che, a norma del citato comma 5 bis dell' art. 27 del T.U. n. 286 del 1998 sull' mmigrazione, comunque annualmente con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, su proposta del CONI e sentiti i Ministri dell'Interno e della Solidarietà sociale, è fissato il limite massimo d' ingresso degli sportivi stranieri.

Tutto ciò valutato, si ritiene di poter ragionevolmente pervenire, nelle more della riforma legislativa sopraccennata, ad una interpretazione estensiva della normativa in vigore.

Tale interpretazione è intesa a considerare gli oneri previsti dal contratto di soggiorno compresi nella dichiarazione con la quale la Società sportiva richiedente si sia impegnata a fornire alloggio, assistenza, sostentamento, nonchè a sostenere le spese di rimpatrio allo sportivo extracomunitario dilettante.

Tanto premesso, il CONI, acquisito l' atto d' impegno della Società, emetterà la dichiarazione nominativa di assenso allo svolgimento di attività sportiva a titolo dilettantistico, utlizzando l'allegato modello (A). e la inoltrerà per via telematica al competente Sportello unico per l'immigrazione.

Fino all'attivazione degli appositi collegamenti informatici, l'invio di detta dichiarazione verrà effettuato tramite e-mail o tramite FAX.

Lo Sportello unico provvederà alla richiesta del codice fiscale dello sportivo e alla trasmissione della citata dichiarazione alla rappresentanza diplomatica italiana competente. In attesa dell' attivazione dei collegamenti telematici, il rilascio del codice fiscale avverrà con le modalità in atto e la dichiarazione in parola verrà inoltrata tramite FAX.

Lo sportivo straniero, una volta entrato in Italia, dovrà presentarsi allo Sportello unico per la richiesta di rilascio del permesso di soggiorno.

Trattandosi di sportivo dilettante, l' interessato non dovrà evidentemente sottoscrivere il contratto di soggiorno. La predetta procedura potrà trovare applicazione anche nelle ipotesi in cui lo sportivo dilettante extracomunitario sia minorenne, nel rispetto delle condizioni previste dalla vigente normativa in materia, con particolare riferimento alle disposizioni di cui all' art. 40, comma 18, del richiamato D.P.R. 31 agosto 1999, n. 394.

Per quanto riguarda il rinnovo dei permessi di soggiorno già rilasciati a sportivi extracomunitari dilettanti, il relativo nulla osta, di cui all'allegato modello (B), verrà presentato dal CONI alla Questura competente. Copia di tale modella dovrà essere allegata alla domanda di rinnovo secondo la procedura operativa dall' 11 dicembre 2006.

Tanto premesso, vorranno le SS.LL: operare in attuazione della linea interpretativa sopra illustrata , tenendo eventualmente informato questo Ministero sui possibili particolari sviluppi della questione.

Si ringrazia per la cortese collaborazione

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
(Lucidi)

Circolare n. 4426 del 19/06/2006 C.O.N.I. - Tesseramento atleti non comunitari





Sabato, 3 Marzo 2007

 
 
Newsletter

Iscriviti alla newsletter, sarai aggiornato sulle ultime notizie.

Iscriviti »
Help.Immigrazione

E' un nuovo canale dove potrai trovare tutte le risposte alle tue domande.

Frequently Asked Questions (FAQ) »
Contattaci

Puoi contattarci compilando il modulo sottostante.

Online contact form »