Sabato, 24 Ottobre 2020| Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia
username   password [?]
 
 

Roma, in aumento i casi di infanticidio

La nuova campagna prevede locandine multilingue informative sul parto in anonimato che saranno visibili su autobus, treni e taxi della città - Dall’inizio di questo nuovo anno nel nostro Paese sono notevolmente aumentati i casi d’infanticidio. Solo nella Capitale, a partire dal marzo scorso ci sono stati tre clamorosi avvenimenti di neonati abbandonati nei cassonetti da genitori che non potevano mantenerli. Questo fenomeno è legato molto spesso all’emarginazione e alla disperazione ed è per questo che è nata la campagna "Il cassonetto non è una culla" realizzata da Salvamamme e Happy family Onlus, in collaborazione con il Policlinico Umberto I.

L’iniziativa presentata nei giorni scorsi a Roma, prevede locandine informative sul parto in anonimato tradotte in diverse lingue. Il messaggio arriverà a tutti, grazie alla collaborazione dell’Atac e di Taxi Roma Capitale e sarà diffuso anche a cura dell’Associazione motociclisti delle forze dell’ordine. Ci saranno anche le carrozzine e i passeggini di circa mille mamme, opportunamente formate per l’occasione da Salvamamme. Le locandine saranno diffuse anche in luoghi molto frequentati, come mercati rionali, giardini pubblici e tutti quei posti che sono luogo di aggregazione nonché anche insediamenti normalmente poco raggiungibili ( soprattuttto quelli abitati da nomadi).

Questa campagna non è l’unica a trattare questa terribile problematica, in città è già presente un servizio molto efficace attivo 24 ore su 24 presso il reparto di Patologia neonatale del Policlinico Umberto I, offerto dal numero verde Salvabebè (800.28.31.10, attivo però solo nella regione Lazio e raggiungibile esclusivamente con cellulare per chi chiama da fuori Roma). Il servizio in questione, si occupa di fornire informazioni sulle possibilità di partorire in ospedale in anonimato e di raccogliere le segnalazioni che riguardano l’abbandono di neonati e procederne al tempestivo recupero con le autoambulanze dotate di cullette termiche e di personale formato ad hoc.



Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €



Mercoledì, 15 Maggio 2013 - Alessia Rigoli


Per inserire un commento, devi essere registrato. Registrati oppure inserisci username e password in alto.
 
Newsletter

Iscriviti alla newsletter, sarai aggiornato sulle ultime notizie.

Iscriviti »
Help.Immigrazione

E' un nuovo canale dove potrai trovare tutte le risposte alle tue domande.

Frequently Asked Questions (FAQ) »
Contattaci

Puoi contattarci compilando il modulo sottostante.

Online contact form »