Giovedì, 2 Luglio 2020| Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia
username   password [?]
 
 

Emersione 2020 Sportello Unico Immigrazione
Che cosa fa lo Sportello Unico 

Lo Sportello si occupa di:

1. verificare l'ammissibilità della domanda

2. convocare il datore di lavoro e il lavoratore per verificare la corrispondenza delle dichiarazioni rese nella domanda telematica con quanto risulta dalla documentazione che deve essere esibita: documento di identità del datore di lavoro o del lavoratore in corso di validità ricevuta di versamento del modello F24 relativo al pagamento del contributo di 500,00 euro ricevuta del versamento del contributo forfettario a titolo retributivo, contributivo e fiscale, se dovuto prova della presenza in Italia del cittadino immigrato certificazione della struttura sanitaria pubblica o del medico convenzionato al Servizio Sanitario Nazionale rilasciata prima dell'inoltro della domanda che attesti la limitazione dell'autosufficienza (per procedure relative all'attività di assistenza alla persona)

3. assicurare la sottoscrizione del contratto di soggiorno fra datore e lavoratore e consegnare al lavoratore il modello 209 che il lavoratore invierà alla Questura per la richiesta di permesso di soggiorno tramite il Kit postale.
Con la sottoscrizione del contratto di soggiorno il sistema informatico dello Sportello Unico invia la comunicazione obbligatoria al Ministero del Lavoro, esonerando il datore dall'invio: essa sarà disponibile nell'area personale del portale riservata al datore.
Se il lavoratore immigrato e il datore di lavoro non si presentano senza giustificato motivo alla convocazione, l'istanza viene CHIUSA.
Se il datore di lavoro non sottoscrive il contratto di soggiorno o, successivamente, non procede all'assunzione del lavoratore, l'istanza viene rigettata, salvo che la mancata sottoscrizione o la mancata assunzione non siano dovute a causa di forza maggiore non imputabili al datore di lavoro.
I.N.P.S. La domanda va inviata all'I.N.P.S. se il datore di lavoro vuole impiegare lavoratori che sono cittadini italiani o cittadini UE

 

Venerdì, 12 Giugno 2020